Riflessione sul Vangelo domenicale [archivio]

I Domenica di Avvento Anno B
29 Novembre 2020

Dal Vangelo secondo Marco (13, 33-37)

"Fate attenzione, rimanete svegli, perché non sapete quando sarà il  momento decisivo! È come un tale che è partito per un lungo viaggio: se n´è andato via e ha affidato la casa ai suoi servi. A ciascuno ha dato un incarico, e al portinaio ha raccomandato di restare sveglio alla porta. Ebbene, restate svegli, perché non sapete quando il padrone di casa tornerà: forse alla sera, forse a mezzanotte, forse al canto del gallo o forse di mattina. Se arriva improvvisamente, fate in modo che non vi trovi addormentati. Quel che dico a voi lo dico a tutti: state svegli”.

“Fate attenzione, state svegli, fate in modo che non vi addormentiate”, ci dice Gesú oggi. E perché questo accorato appello di Gesú, proprio in questo tempo di confusione, di capovolgimento di valori e di veritá? Perché ci vogliono rubare la libertá, la fede, Cristo, Dio. Tutti quanti oggi stiamo sperimentando che coloro che ci governano hanno cominciato con sottrarci parte della nostra libertá. La libertá di movimento, per esempio! Con il pretesto del Covid 19 la stanno limitando attraverso l’isolamento forzato. La libertá di parola, ancora per esempio! Se diventa la libertá di ingannare gli altri, allora va tutto bene, altrimenti anche la libertá di parola la stanno limitando a dire le cose che dice la televisione e i giornali che sono nelle loro mani: guai a dire il contrario, sei subito isolato dalla societá e ridicolizzato. La libertá di pensiero, poi! Ce la stanno rubando, imponendo il loro pensiero unico e globale: guai a pensare e giudicare diversamente da come la pensa una certa categoria di persone, sei subito classificato come nemico della modernitá, nemico del progresso, nemico della civiltá, nemico della societá. Gesú ci invita a non dormire, a non perdere la fede, ci invita a vigilare sulla Veritá, per non accettare queste nuove idee stravaganti, strane e false. Gesú ci invita oggi a stare svegli, a non lasciarci rubare la fede, perché i suoi nemici, i nemici di Gesú, i nemici della Chiesa, i nemici della vera civiltá cristiana, ci vogliono addormentare con le loro nuove idee, cosiddette moderne. Gesú ci invita ad essere liberi nel seguire il bene e a non cadere in una nuova schiavitú, accettando i loro nuovi vizi, chiamati “diritti umani”.  Un autore cristiano dei primi tempi, forse Barnaba, compagno di apostolato di Paolo, dice che 2 sono le vie della libertá: la via della luce e la via delle tenebre. Alla testa della via della luce ci sono gli angeli di Dio, portatori di luce; alla testa della via delle tenebre ci sono gli angeli di Satana, portatori di tenebre. Tu tieni gli occhi ben svegli, ben aperti e guarda bene su quale via ti incammini. Camminano sulla vita della luce tutti coloro che amano Dio-Padre Creatore, e glorificano Dio-Figlio Gesú, Salvatore. Coloro che sono semplici di cuore e ricchi di amore. Camminano sulla via della luce coloro che odiano tutto ció che non piace a Dio; coloro che evitano ogni doppia faccia e ogni doppia vita; coloro che non abbandonano gli insegnamenti del Signore Gesú. Camminano sulla via della luce coloro che sono casti nel proprio corpo e nella propria anima; coloro che non approfittano degli altri, fuori del matrimonio; coloro che non tradiscono l’amore coniugale; coloro che non sono pedofili, non praticano la sodomia e non frequentano i depravati. Camminano sulla via della luce, coloro che non mandano via la propria moglie o il proprio marito; coloro che non uccidono i bambini nel proprio ventre, né li abbandonano appena nati.  Camminano nella via della luce coloro che non usano la propria lingua per parlare male degli altri, per giudicarli o per comandare con asprezza. Camminano nella via della luce coloro non hanno le proprie mani, aperte per prendere e chiuse per dare; coloro che giorno e notte si ricorderanno del giudizio finale; coloro che si preoccupano della salvezza eterna degli altri; coloro che non brontolano quando devono dare qualcosa agli altri o quando devono praticare le cose religiose. Camminano nella via della luce coloro che odiano il male fino alla fine; coloro che sono giusti con tutti; coloro che non creano divisioni nelle famiglie e nella comunitá; coloro che cercano la pace; coloro che perdonano; coloro che riconoscono i propri sbagli e i propri peccati e coloro che non vivono nella continua agitazione. La via delle tenebre, invece, è tortuosa, è piena di maledizioni, ed è la via della morte eterna. Chi cammina nella via delle tenebre chiama “diritti umani” i propri vizi umani, è arrogante, superbo, ha una doppia faccia e una doppia vita, calpesta l’amore coniugale, tradisce il proprio coniuge, uccide i bambini quando non sono ancora nati, trasgredisce la legge di Dio, è malizioso, odia la veritá, va dietro alla magia, non fa il bene, è crudele in famiglia e con gli altri, non si cura del povero e del bisognoso, non conosce la pazienza. Chi cammina nella via delle tenebre non ha amore né verso Dio né verso il prossimo, è ingrato verso Dio e verso gli altri, è portato a seguire il male, è un peccatore in tutto. Prendiamo oggi le parole di Gesú, “state svegli”, non applicandole ad una improbabile imminente fine del mondo o ad una prossima sua venuta nella gloria, ma come un accorato invito del nostro Salvatore, in questo tempo storico in cui si calpestano o si negano i valori umani e religiosi, in cui si vanno diffondendo nel mondo menzogne di ogni genere da parte dei nemici di Cristo e della Chiesa, a riconoscere e a seguire la via della luce, a non lasciarsi abbagliare dalle falsi luce della via delle tenebre. “State svegli”: prima o poi scompariranno tutti i poteri politici, economici, giudiziari con le loro leggi sataniche e con il maligno stesso. Prima o poi verrá il Signore Gesú con la sua ricompensa. Facciamo in modo che trovi ancora la fede in Lui sulla terra. Siate intelligenti, saggi e costanti nel riconoscere la via della luce e nel camminare in essa.

 

vai all'archivio »