Lettera da un pap√° anziano

LETTERA
DA UN PAPÁ ANZIANO!

Caro figlio
quando ti accorgerai che sono invecchiato e non ti sembreró piú io, abbi pazienza e cerca di capirmi. Quando, mangiando, mi sporcheró e quando non riusciró piú a vestirmi, abbi pazienza: ricorda le ore che ho passato ad insegnartelo. Se quando parlo con te, ripeto sempre le stesse cose, non arrabbiarti, non zittirmi e scusami. Quando tu eri piccolo, alla sera, ti ho ripetuto mille volte lo stesso racconto fino a quando non ti addormentavi. Non sgridarmi quando non voglio fare la doccia. Ricorda quando ti rincorrevo e le mille scuse che tu inventavi perché non ti volevi lavare. Quando scopri che io non capisco niente delle nuove tecnologie, soprattutto nell’usare l’ultimo modello del telefonino o il computer, dammi il tempo necessario e non mi guardare con un sorriso di commiserazione. Ti ho insegnato a fare tante cose, come vestirti, come allacciare le scarpe, come affrontare la vita. I risultati sono frutto dello sforzo e della costanza: di tutti e due insieme. Quando perdo la memoria o il filo del discorso, dammi il tempo necessario per ricuperare il ricordo. E se non ce la faccio, non innervosirti. Se qualche volta mi rifiuto di mangiare o di bere, non me lo imporre. Quando le mie gambe stanche mi impediscono di camminare, dammi la tua mano, come quando io ti sostenevo nei tuoi primi passi. E se capitasse di dirti che non voglio piú vivere, che vorrei morire, non spaventarti. È soltanto uno sfogo! Alla mia etá si vive soltanto nell’attesa di qualcosa di grande, dove incontreremo quanti ci hanno preceduti. Scoprirai un giorno che, nonostante i miei errori, ho sempre cercato il meglio per te, mentre preparavo il cammino che tu avresti percorso. Stammi vicino, cerca di capirmi, aiutami, come ho fatto io quando tu hai cominciato la tua vita. Adesso tocca a te accompagnarmi nel mio difficile cammino. Aiutami a percorrerlo con pazienza. Io mi sono sforzato per rendere bella l'alba della tua vita, tu sforzati per rendere bello il tramonto della mia vita! Ti ringrazio! Ti ripagheró con un sorriso e, ancora, con l’immenso amore che ti ho sempre portato.

Il tuo papá



Vai all'archivio »