L'incoraggiamento

18 Maggio 2019

L’INCORAGGIAMENTO

(una testimonianza vera e autentica!)

<Mi viene in mente la signora Lea, la mia maestra delle scuole elementari, che aveva previsto grandi cose per il mio futuro.
Ero un ragazzino normale, sotto tutti i punti di vista. Ero di statura media e provenivo da una famiglia benestante, ma non troppo. Non ero l’alunno piú brillante, ma non ero nemmeno l'ultimo della classe, né davo molto fastidio in classe. Ricordo la mia maestra Lea come una donna severa, sui 35 anni. Aveva un figlio che frequentava la stessa scuola, e che io conoscevo bene, perché l’anno precedente eravamo stati in classe insieme. Un giorno, mentre uscivo dalla scuola, al termine delle lezioni, il figlio della signora Lea si avvicinó a me e mi invitó ad andare a giocare a casa sua, dicendomi che i suoi genitori gli avevano regalato qualche nuovo giocattolo. Da una parte volevo andare, ma avevo paura di incontrare la mia maestra, la signora Lea. Il mio amico capí il mio imbarazzo e mi assicuró che la mamma quasi mai rientrava prima delle 4 del pomeriggio. Mi convinse ed io accettai, a patto di potermene andare prima di quell’ora. Ci divertimmo moltissimo con i suoi nuovi giocattoli, al punto tale da dimenticarmi l’orario. Ad un certo punto, la porta di casa si spalancó e la signora Lea entró. Io mi irrigidii, immaginando che sarei stato rimproverato e poi, il giorno dopo, messo in castigo per aver giocato, invece di fare i compiti. Con mia sorpresa, invece, la signora Lea mi salutó con un gran sorriso. Si rivolse a me con gentilezza e mi abbracció come se fossi suo figlio. Grazie a quell’abbraccio, capii che in realtá, la mia maestra era una persona gentile e amorevole e che in classe appariva severa per mantenere il controllo di tutta la numerosa scolaresca. Mi preparó una merenda coi fiocchi, che preparava a suo figlio soltanto in eccezionali occasioni. Mentre mangiavo, mi accarezzó affettuosamente la testa e mi disse: “Sarai un ottimo studente e un vero modello per i tuoi amici. Sono sicura che diventerai una persona straordinaria, che porterá saggezza, gioia e felicitá a tantissima gente”. Nel mio giovane cuore provai una emozione cosí bella e cosí grande che è difficile da esprimere a parole. Fatto sta che, dopo quel giorno, mi misi a studiare molto e cercai di essere un modello per gli altri alunni. Poiché la signora Lea aveva messo la sua fiducia in me, mi impegnai molto a non deluderla. Penso di essere diventato ció che sono oggi, grazie alle sue parole di quel pomeriggio, che non ho mai piú dimenticato. Senza quel suo incoraggiamento, non avrei mai avuto la fiducia in me stesso per eccellere negli studi, né per diventare professore universitario e guida spirituale>.

******************************

SI PUÒ "VEDERE" IN MOLTI MODI.
SE AD UNA FARFALLA
TOGLI LE ALI
AVRAI UN BRUTTO INSETTO.
MA SE A UN BRUTTO INSETTO
CI METTI LE ALI
AVRAI UNA FARFALLA.

A TUTTI QUELLI CHE CONOSCI,
AGGIUNGI SEMPRE LE ALI.



Vai all'archivio »