Il tesoro

IL TESORO

Tornato dalle ferie vado a trovare Giovanni, un caro amico ammalato. Lo trovo in pigiama, seduto sulla poltrona della sua camera da letto. Al mio saluto risponde con un bel sorriso, come faceva sempre, pieno di riconoscenza. Nel bel mezzo del dialogo, una sua nipote lí presente tiene a confidarmi ad alta voce, ció che giá sapevo: e cioé che Giovanni quando era piú giovane e sano era una persona importante, con incarichi nella Comunitá cosí delicati che si era acquistata la stima e la benevolenza di tutti; Giovanni, concluse, é stato proprio un grande uomo. A queste parole, Giovanni, nella sua umiltá, intervenne minimizzando tutto e affermando che ormai, oltre alla preghiera, non poteva piú fare niente, non valeva piú niente e che presto nessuno piú lo avrebbe ricordato. Me lo diceva con un viso un po' sconfortato e con una sofferta delusione.
Al che io intervenni e gli dissi: "Giovanni, tu continui ad essere un grande uomo! Anche il bambino non sa fare nessuna cosa importante, nessuna azione degna di stima; anzi, il suo comportamento é spesso negativo, perché spacca, rompe, danneggia la casa, sporca i vestiti e combina un sacco di altri guai. Ma proprio perché incapace di fare qualcosa di buono, anzi forse grazie a questa sua innata incapacitá, ha una mamma che gli ripete in continuiazione: "Tu sei il mio tesoro". Per tutti noi questa mamma é Dio. Agli occhi di Dio ognuno di noi é un "tesoro", non per quello che ha o per quello che sa fare, ma perché é figlio a Dio. Per me, per te, non c'é un motivo piú grande di cui vantarsi su tutta la terra. E poi, ti pare poco continuare a fare del bene attraverso la preghiera? Dice il Signore: <Anche se tuo padre o tua madre ti abbandoneranno, io non ti abbandoneró mai; io ti ho tatuato sul mio cuore>. Ma per tutti noi, anche se in piccolo, questa mamma é anche la Comunitá. Per la nostra Comunitá ognuno é un "tesoro", non per quello che é capace di fare o di dare, ma perché é un nostro fratello o una nostra sorella, figlio o figlia dello stesso Padre".



Vai all'archivio »