Il ritratto di Dio

La Missione Cattolica Italiana
di Villingen e Sud Baden,
nella grande festa natalizia
in cui Dio si è fatto uomo
per fare dell’uomo un Dio,
augura a tutti
di vedere ogni avvenimento
e ogni persona umana
con gli occhi di Dio.

******************
Buon Natale
e un felice,sereno,
gioioso e fecondo
anno nuovo 2015

*******

IL RITRATTO DI DIO

Un giorno in Paradiso l’angelo pittore, Michel-angelo, decise di voler fare il ritratto di Dio. Sapeva che sarebbe stata l’opera d’arte più importante e più complicata della sua vita. Dio è immenso, Dio è eterno; come si fa a farlo stare in un quadro? Era sul punto di scoraggiarsi, quando, di scatto, si decise a schizzare qualche bozza, senza avere bene in mente quello che avrebbe disegnato. Cominciò, un foglio dopo l’altro, a tracciare qualcosa di Dio. Lavorava freneticamente, ma sempre insoddisfatto, perché ogni volta scopriva qualcosa di nuovo, guidato da una nuova idea. Riempì migliaia e migliaia di fogli, centinaia di migliaia di fogli, ognuno con qualche schizzo di Dio, finché il suo studio straripò di carta. Un giorno, cercando di mettere un po’ di ordine, cominciò a sudare e aprì le finestre. Non l’avesse mai fatto! Poco dopo, un vento forte e birichino scaraventò varie migliaia di fogli fuori dalle finestre. “Che disastro, i miei disegni!”. I disegni svolazzarono dappertutto nello spazio infinito dell’Universo e in gran quantità piovvero anche sulla Terra. Trovandoli, gli uomini li guardarono e li studiarono, felici di scoprire finalmente com’era Dio. Poi cominciarono ad interpretare i disegni. Vedendo disegnato un bel sole, qualcuno disse: “Dio è come il sole”; “No, Dio è forte come un toro” diceva un altro presentando un foglio raccolto sul balcone di casa sua, con il disegno di un toro. Ciascuno era convinto di aver trovato l’unica vera immagine di Dio; così cominciarono a litigare. Dio si rattristò molto per questo e decise di intervenire. “Andrò io stesso in mezzo a loro, così mi potranno vedere, toccare, ascoltarmi". Detto fatto. Nacque come un bambino qualsiasi in mezzo a gli uomini e si chiamò Gesù.

COSÍ OGGI,
È FACILE A TUTTI
CONOSCERE DIO:
BASTA CONOSCERE
GESÚ



Vai all'archivio »