Coro & Audio

Chi canta di tutto cuore e con gioia
ama cio' che ha cantato,
ama Colui per il quale ha cantato!

********************************

DOMENICA 24 Marzo 2019
III Domenica di Quaresima
Anno C

S. Messa
a SINGEN ore 9,00
a VILLINGEN ore 11,15
a RHEINFELDEN ore16,00




 

PATER NOSTER: CANTO AL PADRE NOSTRO



Pater noster qui es in caelis
Sanctificetur nomen tuum
Adveniat regnum tuum
Fiat voluntas tua, sicut in caelo et in terra

Panem nostrum cotidianum da nobis hodie.
Et dimitte nobis debita nostra
Sicut et nos dimíttimus debitoribus nostris.
Et ne nos inducas in tentationem,
Sed libera nos a Malo

 


IL SIGNORE é LA LUCE: CANTO AL VANGELO



Il Signore é la luce che vince la notte

Rit. Gloria! gloria! Cantiamio al Signore! (2)

Il Signore é la vita che vince la morte (Rit.)

Il Signore é la grazia che vince il peccato (Rit.)

Il Signore é la gioia che vince l'angoscia (Rit.)

Il Signore é la pace che vince la guerra (Rit.)


AGNELLO DI DIO (BATTISTELLA): CANTO ALL'AGNELLO DI DIO



(non c'é musica)

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
dona a noi la Pace.


FUOCO D'AMORE * CANTO DI INIZIO



Fuoco d´amore brucia nel mio cuore,
acqua della vita zampilla dentro me.
O Spirito creatore vieni nel mio cuore,
Consolatore scendi su di me.

Vieni Santo Spirito, vieni Dio d´amore
vieni Dio di gioia, scendi su di me.

Fuoco d´amore brucia nel mio cuore,
acqua della vita zampilla dentro me.
O balsamo d´amore sana le ferite,
Spirito di pace scendi su di me. Rit.

Plasmami, guidami, usami, salvami

Plasmami, guidami, usami, salvami
Vieni Santo Spirito, scendi su di me.

Plasmami, guidami, usami, salvami
Vieni Santo Spirito, scendi su di me.


TEMPO DI RICOMINCIARE: CANTO AL PADRE NOSTRO



Padre nostro siamo qui nella nostra povertà davanti a te.
Tu che di ogni cuore sai storie, luci, lacrime e verità;
dacci il tuo perdono che ci risana l'anima con la tua pace.
Padre nostro tu che puoi, tutti i nostri debiti, prendili tu
il ritorno che non c'è, la ferita, il torto che brucia di più;
il perdono che ci dai, ce l’offriamo tra di noi e lo chiediamo.

Rit. Oggi è tempo di ricominciare, tempo di perdono nella verità,
per comporre in terra un firmamento,
stelle sopra il fango d'ogni povertà e l'unità.


(letto) Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori.
Padre Nostro aiutaci a perdonarci, non per dimenticanza, debolezza o indifferenza;
non perché quello che è grave è senza importanza, o perché è bene quel che è male,
ma col coraggio estremo e la libertà di accogliere l'altro così come è,
nonostante il male che ci ha fatto,
come tu accogli ciascuno, nonostante i suoi difetti.
Rit.

(letto) Non lasciarti vincere dal male, ma vinci con il bene il male.
Padre Nostro donaci occhi nuovi e cuore di madre verso l'altro,
e una misericordia che sempre copre, dà fiducia, crede, spera;
dacci la grazia di un'amnistia completa nel cuore,
di un perdono reciproco universale,
perché apriamo a chi ci ha fatto torto, la possibilità di ricominciare
e un avvenire in cui il male non abbia l'ultima parola.
Rit.

Vieni dolce Spirito scendi col tuo balsamo tu che lo puoi;
dove il cuore sanguina quando grida l'anima dentro di noi
soffia via la cenere, dacci il tuo respiro di misericordia.
Vieni Santo Spirito, rialzaci e rivestici di novità;
fa di noi il tuo lievito che nel mondo semina fraternità.
Scendi fuoco limpido, scendi fiume carico di primavera.

Rit. Oggi è tempo di ricominciare, tempo di perdono nella verità;
per comporre in terra un firmamento, stelle sopra il fango d'ogni povertà.
Firmamento stelle sopra il fango, stelle che nel buio brillano di più.
Firmamento dal respiro immenso, cielo sulla terra qui fra noi sei tu.
Oggi è tempo - firmamento - é l'unità! - É l´unitá - É l´unitá

 


LA TENDA: CANTO RESPONSORIALE



1. Signore, come é bello, non andiamo via:
faremo delle tende e dormiremo qua.
Non scendiamo a valle dove l’altra gente
non vuole capire, quello che Tu sei.

Rit. Ma il vostro posto é lá, lá in mezzo a loro:
l’amore che vi ho dato, portatelo nel mondo.
Io sono venuto a salvarvi dalla morte,
mio Padre mi ha mandato, e io mando voi.

2. Quando vi ho incontrato, eravate come loro:
col cuore di pietra, tardi a capire;
ció che io dicevo, non lo sentivate:
„E‘ pazzo, si pensava, non sa quello che dice“. Rit.

3. Adesso che capite cos’é la mia Parola,
volete stare soli e non pensare a loro;
a cosa servirá l’amore che vi ho dato
se la vostra vita, da soli voi vivete?! Rit.


ESCI DALLA TUA TERRA * CANTO DI INIZIO



Rit.: Esci dalla tua terra e va' dove ti mostrerò (2x)
l: Abramo, non partire,
non andare non lasciare la tua terra,
cosa speri di trovar?
La strada è sempre quella,
ma la gente è differente ti è nemica
dove speri di arrivar?
Quello che lasci tu lo conosci, il tuo Signore, cosa ti dà?
Un popolo, la terra e una promessa. Parola di Jawè. Rit.
2. La rete sulla spiaggia
abbandonata l'han lasciata i pescatori,
son partiti con Gesù.
La lolla che osannava se n'è andata,
ma il silenzio una domanda,
sembra ai dodici portar:
quello che lasci tu 1o conosci, il tuo Signore, cosa ti dà?
Il centuplo quaggiù e l'eternità Parala di Gesù. Rit.
3. Partire non è tutto,
certamente c'è chi parte e non dà. niente,
cerca solo libertà.
Partire con la fede nel Signore,
con l'amore aperto a tutti,
può cambiar l'umanità.
Quello che lasci tu lo conosci, Quello che porti vale di più.
Andate e predicate il mio Vangelo. Parola di Gesù. Rit.
 


ANTICA ETERNA DANZA: CANTO DI OFFERTORIO



Spighe d’oro al vento, antica, eterna danza
per fare un solo pane spezzato sulla mensa.
Grappoli dei colli, profumo di letizia
per fare un solo vino bevanda della grazia.

Con il pane e il vino
Signore ti doniamo
le nostre gioie pure, le attese e le paure.
Frutti del lavoro e fede nel futuro,
la voglia di cambiare e di ricominciare.

Dio della speranza, sorgente d’ogni dono
accogli questa offerta che insieme Ti portiamo.
Dio dell’universo raccogli chi è disperso
e facci tutti Chiesa, una cosa in Te.
 


TUTTO é VANITá * CANTO DI COMUNIONE



Rit. Vanitá, tutto...é vanitá
Tutto é vanitá delle vanitá
Tutto passa, Dio solo resta (2x)

La ricchezza puzza d’ingiustizia:
frutto dell’imbroglio.
E’ in agguato sempre un insuccesso.
Sempre cosí sará. (Rit.)

Non è sazio l’uomo del piacere:
é cosí da sempre.
La passione brucia come il fuoco.
Sempre cosí sará. (Rit)

Il potere rende orgogliosi:
fonte di violenze,
di abusi e di sfruttamenti.
Sempre cosí sará. (Rit.)

Una cosa sola è necessaria:
amare Dio.
Tutto il resto è soffio di vento.
Sempre cosí sará. (Rit.)
 


SOTTO UNA QUERCIA: CANTO DI COMUNIONE



1. Ricordi, mamma, quand'ero bambino
tu mi insegnavi a camminare
e mi lasciavi anche cadere
perché io stessi in piedi da me.
Poi m'hai lasciato andare da solo,
ed i miei passi erano incerti,
ma io sentivo quelle tue mani
fare la strada insieme a me.

Rit Non ti stancare mai di me,
sono un bambino, sai,Signor,
se spesso cado ci sei tu;
a stare in piedi impareró.

2. Fra le tue mani cammina la luce,
corrono i fiumi, gli uccelli del cielo
e la mia vita da quando mi hai detto:
"Vai, cammina, io sono con te".
Strade nel sole, nell'ombra ho percorso,
nella bufera ho cercato la pace,
a volte ho scelto il deserto e l'arsura
quando mi davi un pó d'acqua e riposo. Rit.

3. Ho spesso pianto cadendo per terra
quando cercavo di rialzarmi,
tu m'hai raccolto, ho ripreso coraggio
per camminare vicino a te.
Anche la pioggia cadendo per terra
sente la polvere, in essa si perde,
ma se s'affaccia il sole, l'amore,
l'acqua caduta accende una vita. Rit.

4. Sotto una quercia a te ho ripensato
ed ho rimpianto il tuo volto, una casa,
mi son deciso, ho ripreso la strada:
era di nuovo il primo giorno.
Eri un pastore ed lo del tuo gregge,
me n'ero andato tra siepi e tra spine,
ma nel mio cuore io t'aspettavo,
m'hai riportato a casa con te. Rit.

 


LODE A TE CRISTO * CANTO AL VANGELO



(manca la musica)

Rit.: Lode a te Cristo, re d'eterna gloria (2 x)

Signore tu sei veramente
il Salvatore del mondo,
dammi dell'acqua viva
perché io non abbia piú sete


FINCHé SEI IN TEMPO * CANTO PENITENZIALE



Rit.: Chi è nel peccato
È giá nell’inferno
Uomo, uomo
Giá nell’inferno.
Chi è nel peccato
È giá nell’inferno
Non aspettare
Tírati fuori
Uomo, uomo
Finché sei in tempo
Uomo, uomo
Finché sei in tempo.

Il figlio prodigo
è ritornato al Padre
in tempo.
Ma il ricco avaro
non è stato piú capace
di smettere…in tempo (Rit.)

Anche il ladrone
ha ricercato Dio
in tempo.
Ma è difficil
per chi odia il fratello
entrare… nel Regno (Rit.)

E Simon Pietro
ha pianto è si è pentito
in tempo.
Ma l’orgoglioso
s’incammina su una strada
che porta… alla morte (Rit.)

Fratello mio
orienta la tua vita
in tempo.
Ascolta il Signore
che è luce e veritá
per guadagnare… tutto. (Rit.)
 


KUMBAYA * CANTO RESPONSORIALE



Kumbaya My Lord Kumbaya
Kumbaya My Lord Kumbaya
Kumbaya My Lord Kumbaya
My Lord Kumbaya

Sei con noi Signor, kumbaya
nella gioia tu, kumbaya
nel dolore tu, kumbaya
Signor, kumbaya

Quando prego, Signor, kumbaya
quando canto, Signor, kumbaya
quando amo, Signor, kumbaya
Signor, kumbaya
 


VOGLIO ESSERE UN SEME DI PACE * CANTO DI PACE



Rit.: Io voglio essere un seme di pace.
Ti prego, dammi il tuo aiuto, Signore.

1.Dove c´è l´odio
io posso portare l´amore
e dov’ é il rancore
far germogliare il perdono. Rit.

2. Se c´é discordia
io posso creare l´unione
e la prepotenza
vincere con la non-violenza. Rit.

3. Dove c´è il dubbio
io posso portare la fede
e con la speranza
fermare la disperazione. Rit.

4. Se c´è tristezza
io posso far nascere gioia
e con la tua luce
sconfiggere il regno del male. Rit.
 


MIA MADRE: CANTO FINALE



1. Salivi quei monti e portavi con te / una speranza,
un sogno giá atteso da tante creature / prima di te.
Il vento portava con te le parole / di un uomo venuto dal cielo,
un bimbo era nato giá dentro di te / e con lui anche ognuno di noi. Rit.


Rit. Ti sento ogni giorno mia madre. perché
con Lui tu generi me.


2. Portavi nel cuore le ansie e le gioie / di una fanciulla,
t’aprivi alla vita, cercavi l’amore / ed eri giá madre.
Un altro ti prende la vita, ti getta al di lá / d’ogni tempo dell’uomo;
Tu porti nel seno il tuo Dio, / ma senti che nasce ciascuno di noi. Rit.


3. Parlasti con lui per quei lunghi mesi / che l’aspettavi;
discorsi parlati, ma senza parole…/ soltanto col cuore.
Sentivi il dolore piú umano che c’è / é il dolore che accende la vita,
ti accorgi che quello é tuo figlio; / se guardi peró lí c’é ognuno di noi. Rit.
 


I NOSTRI SEMPLICI DONI * CANTO DI OFFERTORIO



I nostri semplici doni
Su questo altare poniamo:
Accoglili, Signore
Trasformali in amore

Rit.: E noi benediciamo te,
Per tutti i doni che ci dai.
Accogli questo pane,
Accetta questo vino,
Signore vieni in mezzo a noi
(muto)

I nostri semplici cuori
A te, Signore, doniamo:
Rivestili di luce
Ricolmali di gioia

Rit.: E noi benediciamo te,
Per tutti i doni che ci dai.
Accogli questo pane,
Accetta questo vino,
Signore vieni in mezzo a noi

Accogli questo pane,
Accetta questo vino,
Signore vieni in mezzo a noi
 


TU SEI BUONO * CANTO FINALE



Tu sei buono, mio Signor 
Tu sei grande, mio Signor. (2 x) 
Tu sei buono, tu sei grande, 
non mi abbandonare mai (2 x)

Rit: E nel nostro cuor, Signore 
C'é l'immagine di Te. 
Fa che non la calpestiamo 
Con la nostra infedeltà.

Io ti lodo, mio Signor.
Io ti amo, mio Signor. (2x) 
Io ti lodo, io ti amo, 
non mi abbandonare mai (2 x) (Rit.)