Riflessione sul Vangelo domenicale [archivio]

III Domenica T.O. Anno B
21 Gennaio 2018

Domenica scorsa abbiamo ascoltato le prime parole che Gesú rivolse a coloro che volevano essere suoi discepoli: “Che cosa cercate?”. Il che vuol dire, chiaritevi su che cosa cercate da Gesú e Gesú sará chiarissimo con voi. Quindi vivete la vita cristiana da adulti e non da cosiddetti cristiani che danno per scontato di essere cristiani. Oggi, ci troviamo davanti alle prime parole che Gesú rivolse al mondo intero, all’umanitá, durante la sua straordinaria visita sulla terra, proprio all’inizio della sua missione pubblica: e quali furono queste parole? Eccole: “Il tempo è compiuto, il Regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo”. Qui c’è tutto, assolutamente tutto! Gesú comincia a parlare alla gente, dando 2 informazioni e rivolgendo 2 inviti. Le prime 2 informazioni sono: 1) Il tempo è compiuto. 2) Il Regno di Dio è vicino. I due inviti sono: 1) Convertitevi. 2) Credete al Vangelo. Cominciamo
1) con la prima informazione: “Il tempo è compiuto”. Qui non si parla del tempo che si misura con l’orologio. Gesú non parla del tempo dell’uomo. Gesú parla del tempo di Dio, cioè dei suoi progetti per l’umanitá. È un tempo che non è legato all’orologio o agli anni, perché è un tempo sempre presente e sempre nuovo. E qual’è questo tempo? È il tempo della salvezza! Questo tempo della salvezza è offerto a tutti, non è imposto a nessuno, ma è offerto a tutti, quale dono del Padre. Questo tempo non va sprecato. E cosa vuol dire che questo tempo è compiuto? Vuol dire che è arrivata la salvezza per l’Umanitá intera, vuol dire che il progetto di Dio, di salvare l’umanitá, si è realizzato in Gesú.
La salvezza è una persona: Gesú. Solo in Gesú, quindi c’è salvezza, e in nessun altro e in nessun’altra cosa!
2) La seconda informazione: “Il Regno di Dio è vicino”. Il Regno di Dio è il mondo costruito, organizzato, vissuto secondo la Luce di Dio, secondo l’Amore di Dio, secondo la Legge di Dio. Il Regno di Dio è un modo di vivere straordinariamente nuovo; sono piccoli gesti, umili scelte di amore, di giustizia, di pazienza, di generositá, di perdono, che nella loro piccolezza e semplicitá sono come il lievito che fa lievitare tutta la pasta della nostra vita e di quella degli altri. Il Regno di Dio è la vita dal punto di vista del Creatore. È il giusto modo di vivere. È la vera vita! E questo Regno di Dio è “vicino”, dice Gesú, cioè questo Regno di Dio sta tornando a riprendersi il suo spazio nel cuore dell’uomo, della famiglia, della societá. Ed esso chiede una risposta precisa, decisa, convinta e definitiva da parte di ciascuno di noi.
Dopo le 2 informazioni, Gesú rivolge due inviti:
1) “Metanoéite”, che noi traduciamo con “Convertitevi”, ma che in realtá la vera traduzione è “cambiate orientamento mentale”. Cioè “cambiate i desideri del vostro cuore”. La gente, in genere, è orientata nella propria vita dall’egoismo, dall’orgoglio, dall’invidia; la gente, in genere, nella propria vita ha desideri di piacere, di possesso, di farsi valere, di prevalere, di potere, di ricchezza, di guadagno. Gesú dice: questi orientamenti, questi desideri non portano a Dio, non sono secondo il cuore di Dio. La prova ne è l’infelicitá della gente, la mancanza di pace e di serenitá interiore di tutti quegli esseri umani che vivono cosí. Bisogna cambiare, continua Gesú, bisogna entrare nel nuovo tempo di Dio e invertire la direzione dei propri pensieri e dei propri desideri: bisogna cambiare pilota. L’unico Pilota della propria vita deve essere Lui, Gesú. E come conseguenza il 2° invito: “Credete al Vangelo”, il che significa “aderire a Gesú”, “avere fiducia”, tuffarsi, non dubitare, abbandonarsi senza dubbi e senza paura in Gesú. È Gesú, “il Vangelo”, cioè la bella notizia che Dio ci ama, ha fatto pace con noi e ci perdona in Lui. Qualsiasi cosa abbiamo fatto nella vita, se noi accogliamo Gesú e il suo messaggio e, di conseguenza, cambiamo rotta, in Gesú noi siamo salvi.
“Il tempo è compito, il regno di Dio è vicino, convertitevi e credete al Vangelo”. È tutto!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vai all'archivio »